Chi era Pino Pascali.
Pino Pascali (Bari 1935 – Roma 1968).

 Pino Pascali 

Pur nella estrema brevità del suo percorso artistico, fu uno dei protagonisti più originali dell’arte italiana degli anni sessanta. Si forma all’Accademia di Belle Arti di Roma, dove si era trasferito dalla sua “Polignano a   mare”, fu scenografo per la televisione, il teatro, il cinema, grafico pubblicitario, scultore e performer.  Personalità fortemente inquieta e creativa, fece parte della “Scuola pop di Piazza del Popolo” a Roma, imponendosi come uno degli interpreti più complessi ed enigmatici della sua epoca.  Tra l’Informale europea e la Pop Art americana, Pascali si confron-tava con il progresso guardando al passato, alle origini, alle forme primarie della cultura mediterranea ed africana come il mare, la terra, gli animali, anche preistorici. 

  Pino Pascali da creativo a creatore 

I suoi miti erano James Dean e Marlon Brando per la passione motociclistica e la velocità, Billie Holiday per la sua vita trasgressiva vissuta pericolosamente.

La grande manualità e l’abilità operativa, che gli derivano dalla passione per l’aeromodellismo e dalla attività di scenografo, lo portano a reinterpretare autonomamente gli oggetti della cultura di massa,  le “finte armi” realizzate con materiali di recupero (ready–made) e le “sculture–non sculture dimezzate”.

L’aspetto che colpisce in Pino Pascali è la leggerezza quasi infantile e ludica,    visibile nelle sue opere, che poi diventa libertà, fantasia, ironia e quindi coraggio, sfida e rischio nell’arte e nella vita: contro ogni convenzione sociale Pino diventa un eroe quotidiano, su cui c’è ancora molto da scoprire. Le sue opere sono visibili in musei, gallerie e collezioni sparse in Italia e nel mondo.